Paragone

Gianluigi Paragone fa una citazione autorevole:

In una lettera all’amico Max Born, altro fisico premio Nobel, Albert Einstein scriveva: “Nessuna quantità di esperimenti potrà dimostrare che ho ragione. Un unico esperimento potrà dimostrare che ho sbagliato“.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/07/09/vaccini-obbligatori-i-dubbi-della-piazza-contro-larroganza-del-governo/3718118/

e commenta:
Il seme del dubbio ha portato avanti la scienza, in ogni sua componente.
Nel suo caso il seme del dubbio si innesta nella polemica sulla obbligatorietà della inoculazione dei vaccini.
Siamo sicuri che quella affermazione di Einstein sia correttamente interpretata?.
Si applichi all’ipotesi di Einstein che esista un bosone vettore della forza gravitazionale. La sua esistenza è stata recentemente più volte confermata dagli esperimenti LIGO e, spero, VIRGO. Si può concepire un esperimento che nega l’esistenza del gravitone? Il concetto di dimostrazione in negativo ha significato? Che installazione sperimentale diversa da quella adottata in LIGO e VIRGO deve essere concepita? Attualmente in quegli ambienti avviene esattamente il contrario di quanto sostenuto nella frase citata: tra molti eventi di esito negativo, si mette in evidenza e si festeggia il raro evento positivo.
A prima vista l’esperimento di Michelson-Morley potrebbe essere considerato una dimostrazione in negativo, ma non è così. L’inesistenza dell’etere è il risultato di una ricerca, non diversa dalla ricerca del gravitone. La situazione è simmetrica. In entrambi i casi i metodi di indagine sono considerati ineccepibili da tutta la comunità scientifica. Avere scoperto una non-esistenza è altrettanto valido che avere scoperto una esistenza.
A parte l’autorevolezza di Einstein, personalmente considero molto più valida e più utile da un punto di vista operativo quest’altra affermazione riferita alla ff, fatta da un perito DoE nel 2004:

It is impossible to prove a negative: that cold fusion does not occur at any level.

In tutta la storia della ff nessuno ha mai progettato un esperimento per dimostrare che la ff non può esistere, semplicemente perché non può essere concepito. Tutta la critica alla ff si basa sull’inesistenza di esperimenti ff con esito positivo accertati, riconosciuti, archiviati nelle banche dati. Nel reticolo del palladio la DD può avvenire, dal momento che non viola alcuna legge di conservazione. Essa però avviene con una frequenza non misurabile. L’ignoto perito DoE però avverte che sarebbe scorretto progettare un esperimento per dimostrare che la ff non può avvenire.
Cosa dire a Paragone. Che non deve abusare dell’utilità del seme del dubbio, ammesso che in scienza esista in quella forma. Approfondire le conoscenze non significa ricorrere al dubbio sistematico cartesiano, che aveva un significato molto diverso, invitava a liberarsi delle conoscenze non dimostrabili.
Paragone dovrebbe anche considerare che il seme del dubbio non è un bene di cui tutti possono far uso; a discutere di vaccini devono essere gli specialisti ai quali noi cittadini deleghiamo la nostra sicurezza sanitaria. Il dubbio di qualche medico fa parte della dispersione statistica dei dati. Il disaccordo tra medici è accentuato anche dal fatto che esistono medicine alternative. Il medico convenzionale può trasformarsi in omeopata senza violazione del codice etico medico.
Meno che mai il dubbio deve cogliere Paragone o me, che facciamo altri mestieri.
Noi non siamo in grado di portare avanti la scienza medica con il seme del dubbio: evitiamo di dare una patetica dimostrazione di ignoranza e di presunzione.
Ne ultra crepidam, sutor!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

51 risposte a Paragone

  1. Franco Morici ha detto:

    @ Camillo

    Molto spesso in determinati ambiti, quando per decenni non si riesce a mostrare alcuna prova indipendente, verificabile ed incontrovertibile dell’esistenza di un determinato fenomeno, allora si mette in campo la scappatoia pseudo-scientifica che sia chi (ad esempio sulla base della Fisica nota) non crede al “claim tremendous and disruptive” che debba dimostrare che quel certo fenomeno assolutamente non esiste (o non può esistere), e qualora questo non risulti possibile allora il proclamato (magari una bufala) può continuare a perpetuarsi in forza del cosi-detto “beneficio del dubbio”, strumentalmente utilizzato.

    • CimPy ha detto:

      Lo stesso principio per cui Babbo Natale esiste….

    • Camillo Franchini ha detto:

      @Franco
      La situazione è descritta molto bene. Ci sono delle varianti, come quella della Dr.ssa Ciara Mussi che chiede perentoriamente:
      questo effetto gregge dovrebbe essere scientificamente dimostrato
      Che tipo di dimostrazione scientifica potrebbe convincere la dottoressa? Per la maggior parte di noi è sufficiente considerare che quanto più si complica la vita a un agente patogeno, sottraendogli habitat, tanto meno sono i casi clinici che i medici devono affrontare. Bisogna spiegarsi con un esempio?
      http://22passi.blogspot.it/2017/07/vaccini-riflessione-di-chiara-mussi.html
      Un’ altra variante è quella di Charles Beaudette che, all’uscita del rapporto DoE del 2004, osservò che solo i ff potevano giudicare se stessi.

  2. Camillo Franchini ha detto:

    @Chiara Mussi

    Mi sono ricordata di quello che diceva sant’Agostino: «Solo chi ama conosce».

    Citazione infelice. Sant’Agostino è stato un implacabile persecutore di pagani, era un intollerante che ha commesso molte ingiustizie. Non basta essere santo per essere citato a esempio di rettitudine.
    Se ha tempo legga questo libro:
    http://sellerio.it/it/catalogo/Sant-Agostino-Pagani/Storoni-Mazzolani/1701

  3. Camillo Franchini ha detto:

    @Franco Morici
    Nessuna quantità di esperimenti potrà dimostrare che ho ragione. Un unico esperimento potrà dimostrare che ho sbagliato
    Concretamente:
    supponiamo che un esperimento molto ben fatto dimostri che l’effetto Mössbauer non esiste, dovremmo dismettere lo spettrometro Mössbauer del collega SF e tutti gli altri spettrometri Mössbauer esistenti in Italia?
    Sarà mia insufficienza, ma non riesco a trovare un esempio in cui lo statement di Einstein si applichi. Mi piacerebbe leggere testo e contesto in tedesco. Qualcuno può aiutarmi? Grazie.
    Paragone stesso non porta un solo esempio, quindi la situazione è puzzling. Spero che non sia il solito laureato in lettere antiche appassionato di argomenti scientifici.

    • mario massa ha detto:

      @Camillo
      “supponiamo che un esperimento molto ben fatto dimostri che l’effetto Mössbauer non esiste, dovremmo dismettere lo spettrometro Mössbauer del collega SF e tutti gli altri spettrometri Mössbauer esistenti in Italia?”

      Evidentemente se lo spettrometro Mossbauer esiste significa che quell’esperimento non era “molto ben fatto” ma conteneva un errore magari “ben nascosto”.
      Penso che Einstein intendesse “un esperimento certamente vero”. E l’affermazione va interpretata secondo me così: una teoria non può essere confermata in modo certo da degli esperimenti anche se corretti, ma può essere smentita in modo certo da un solo esperimento corretto. Attenzione che corretto non è sinonimo di esaustivo.
      Esempio in aritmetica: teoria “il numero 60 è divisibile per tutti i numeri”. Anche se è vero che è divisibile per 1,2,3,4,5,6 mi basta verificare che non è divisibile per 7 per falsificare l’affermazione.
      Rimane il problema, in campo fisico, di stabilire quando un esperimento è “certamente corretto”.

      • Camillo Franchini ha detto:

        @mario massa

        una teoria non può essere confermata in modo certo da degli esperimenti anche se corretti, ma può essere smentita in modo certo da un solo esperimento corretto.

        Non posso essere d’accordo. L’esistenza di spettrometri Mössbauer di marche diverse in tutto il mondo rappresenta la “quantità di esperimenti positivi” della frase di Einstein. Il fatto che siano in commercio, che funzionino tutti come ci aspetta, esclude che qualcuno possa falsificare l’effetto Mössbauer.
        Puoi scegliere un argomento più noto, la quantizzazione degli orbitali atomici. L’esistenza in commercio e l’uso di spettrometri AA Philips, Perkin Elmer, Varian, Shimadzu dimostrano che la quantizzazione degli orbitali atomici non può essere falsificata.
        Ciò che irrita nelle proposizione di Einstein è dare un significato cruciale agli esperimenti in negativo. Gli esperimenti che negano devono essere considerati come gli altri.
        Siccome però Einstein è anche per me un intoccabile, spero di mettere mano a testo e contesto in lingua tedesca. Finora non ci sono riuscito.
        Irrita anche che Paragone abbia adottato quel paradigma per i propri comodi. Non dobbiamo considerare noi stessi carne da cannone come sembra fare la Dr.ssa Mussi, che ci considera soggetti da lavaggio del cervello:
        coloro ancora non del tutto persuasi del lavaggio del cervello a cui vengono sottoposti.
        Lei pensi al Suo di cervello, cara dottoressa, che noi pensiamo al nostro.
        Che poi esca con una citazione di Sant’Agostino, un tizio che ha buttato sul lastrico rispettabili famiglie pagane che rifiutavano di convertirsi al cristianesimo, è il colmo dell’arroganza.
        Passerini ha letto la nota della Dr.ssa Mussi o si è limitato ad offrirle ospitalità acritica?

        Rimane il problema, in campo fisico, di stabilire quando un esperimento è “certamente corretto”.

        Niente di più semplice. Una delle mie tre tesine di laurea era sulla NMR, allora una curiosità scientifica. Oggi la NMR è usata in diagnostica medica da tecnici di laboratorio di 19 anni. La NMR non è più falsificabile nemmeno dal più scatenato onanista mentale.
        Hai idea dell’attenzione che incontrerebbe un singolo esperimento positivo in ff? Tempo un anno ci sarebbero mamozi di ogni marca adibiti a ogni uso, immagino come sorgenti di radiazioni nucleari più che di calore. Io ricordo ancora quando dal maser si passò al laser. Ci fu un’esplosione di applicazioni nel giro di un anno o due.
        L’esperimento “certamente corretto” è quello che può essere riprodotto dal collega del laboratorio accanto.

  4. susangipp ha detto:

    Visto che si parla di dimostrazioni quella in (1) è la più lampante che i ciarlatani cascan sempre in piedi. Il nostro Eroe acchiappacitrulli d’oltreoceano l’ha fatta franca anche stavolta evitando di essere obbligato a rivealare il contenuto del doppiofondo del cappello da prestigiatore. Veramente un bel risultato avendo pure placato gli animi dei gonzi danarosi che hanno investito in quel disgraziato fondo che ha pagato i suoi appartamenti a Miami.
    Lo spettacolo continua e pure con una rinnovata e fluente chioma!

    1) https://animpossibleinvention.com/2017/07/18/heres-the-settlement-getting-the-license-back-was-rossis-top-priority/

    • E.Laureti ha detto:

      @susangipp

      Eroe acchiappacitrulli d’oltreoceano l’ha fatta franca anche stavolta

      bel parrucchino a riprova di tutti i pippi che ha rastrellato.
      Sarà una mia impressione ma assomiglia stranamente a Licio Gelli 🙂

      • Camillo Franchini ha detto:

        E. Laureti

        Sarà una mia impressione ma assomiglia stranamente a Licio Gelli 🙂

        Per favore, non parlate al manovratore.

        • E.Laureti ha detto:

          @Franchini

          mi dai nuove congetture & smisurati complotti perchè la bufala fuf si inserisce bene come supporto a quella che potrebbe essere la bufala climatica …
          dice Carlo Rubbia :

          “….Sembra ormai chiaro che la “storia” del riscaldamento globale che sta causando l’uomo è una vera e propria bufala creata ad arte per ottenere principalmente due scopi:

          Arricchirsi con gli svariati parametri da rispettare e sanzioni che ne conseguono, creare un problema a livello globale per far credere alla popolazione che necessiti una soluzione e di conseguenza un unico governo globale….. “
          http://altrarealta.blogspot.it/2016/11/carlo-rubia-ci-parla-del-clima-e-co2.html

          Anche Rossi s’è arricchito con i parametri fuf da rispettare 🙂
          E è riuscito a far credere ,almeno al popolo fuf, che lui è la soluzione al problema energetico 🙂

          Un Rossi alla Gelli passato alla Propaganda 2 del piano fuf globale …dove pero P potrebbe significare pure Parrucchino 🙂

          Che dire ? AGADGADU ! :-)

    • Camillo Franchini ha detto:

      @susangipp

      Lo spettacolo continua e pure con una rinnovata e fluente chioma!

      Non mi auguravo di meglio. Il Nostro può ricominciare a spennare per benino altri polli americani.

  5. Camillo Franchini ha detto:

    @mario massa

    Un conto è essere contro obblighi (io stesso sono a favore dell’informazione e penso che l’obbligo sia l’ultima risorsa), un altro è far passare il messaggio che era meglio quando i vaccini non c’erano.

    Nessuno è più disinformato di chi non vuole essere informato. Siamo stati talmente informati da non poterne più. In particolare bisogna riconoscere l’impegno di RAI 1 che per molte mattine ha informato i cittadini sull’importanza di rendere i vaccini obbligatori, intervistando ogni giorno medici autorevoli. Per favore non ti ci mettere anche te con le lagnanze. Siamo stati informati a saturazione. Il troppo stroppierebbe. Che alternativa ha uno Stato responsabile rispetto all’obbligo delle vaccinazioni? Affidarsi alla Chiara Mussi? a Daniele Passerini?
    Chiara Mussi:
    In generale penso che sia questa la differenza tra una tirannia e la democrazia.
    No, cara Lei, la differenza non è questa. Si vede che è molto giovane e conosce poco la storia del ‘900. Mi conforta sapere che Lei rappresenta una minoranza. Per curiosità: è omeopata?

    • mario massa ha detto:

      @Camillo
      Ho scritto che per me l’obbligo è l’ultima risorsa. Forse si poteva ancora aspettare, per te non se ne poteva fare a meno: non è una differenza sostanziale. L’importante è capire chi ritiene le vaccinazioni un bene e chi, nascondendosi dietro un dito, ritiene i vaccini un male. Silvio Caggia ha il coraggio di dire ciò che pensa, ci crede veramente e pone argomentazioni, ma la maggior parte dei contrari al decreto mi pare sia solo ipocrita o ignorante e si attacca ad ogni pretesto, anche il più assurdo come la presenza nei vaccini di nanoparticelle.

  6. Camillo Franchini ha detto:

    @Mario

    Ho scritto che per me l’obbligo è l’ultima risorsa. Forse si poteva ancora aspettare, per te non se ne poteva fare a meno: non è una differenza sostanziale.

    E’ da tempo immemorabile che si afferma che l’autismo è provocato da non so quale vaccino. Una nostra amica vedova non benestante ha speso un capitale per fornire alimenti speciali a un nipote con quel danno, suggeriti da un medico fiorentino omeopata piuttosto noto in ambito della medicina alternativa.
    Non è ragionevole aspettare altro. Quali altre informazioni si possono ancora richiedere? Anche nella mia famiglia ci sono piccoli che vorremmo vedere prontamente protetti dalla medicina ufficiale e non da medici che escono dai paradigmi. Ci sono medici che ritengono che il cancro sia dovuto a uno stato d’animo negativo. Si lasciano lavorare in pace per non dare l’impressione di vivere in dittatura o in regime di lavaggio del cervello o si possono intercettare?

    Silvio Caggia ha il coraggio di dire ciò che pensa, ci crede veramente e pone argomentazioni,

    Io stimo Silvio Caggia perché è una persona curiosa che ama confrontarsi, ma in campo medico può solo affidarsi alla medicina che si insegna all’Università, esattamente come fa con lodevole modestia la Ministra Lorenzin, che in questo caso (e in altri) dimostra di essere all’altezza dell’alto incarico che le hanno affidato. E’ un argomento da lasciare ai medici senza interferire.

    • AleD ha detto:

      @Camillo:

      E’ un argomento da lasciare ai medici senza interferire

      Dove trova scritto il perché medico di come mai sia partito l’obbligo di questa estensione delle vaccinazioni di massa?

      • Camillo Franchini ha detto:

        @AleD

        Dove trova scritto il perché medico di come mai sia partito l’obbligo di questa estensione delle vaccinazioni di massa?

        Personalmente ho seguito molte trasmissioni dedicate al problema da RAI1 mattino.
        Dovrebbe telefonare all’Ordine dei Medici della Sua provincia. Probabile che abbiano opuscoli a disposizione.
        Sarà per motivi di età, ma io mi fido della medicina moderna in tutti i suoi aspetti. Sono stato tra i primi – forse il primo – a Pisa a subire un’operazione chirurgica molto seria in laparoscopia.

        • AleD ha detto:

          @Camillo:
          Non capisco, l’obbligo per legge non è nato perché basato su evidenze messe nero su bianco da parte degli specialisti a cui il ministero della salute si è rivolto?
          Non trova naturale che queste evidenze siano a disposizione dei cittadini alla pari di una legge che trova posto nella gazzetta ufficiale?
          Stiamo parlando di obbligo di vaccinazioni di massa, mica bruscolini…
          Se il perché medico di questa scelta non è pubblico, non ci si può certamente stupire per la levata di scudi, che comprende di tutto, da considerazioni idiote ad altre invece molto più ragionevoli.
          Sia mai che gli specialisti in questione non vogliano comparire da nessuna parte per paura di ritorsioni?

  7. Camillo Franchini ha detto:

    @AleD

    Se il perché medico di questa scelta non è pubblico, non ci si può certamente stupire per la levata di scudi, che comprende di tutto, da considerazioni idiote ad altre invece molto più ragionevoli.

    Il perché medico è pubblico, nel senso che sono stati attivati strumenti di informazione di massa di ogni genere. Chi è più esigente credo possa contattare l’Ordine dei Medici locale per avere il massimo di informazioni scientifiche. Credo che i parlamentari abbiano a disposizione gli uffici del Ministero della Salute, esattamente come il Ministro. Non mi pare che un argomento medico possa diventare argomento di dibattito popolare. Per esempio credo che non possa essere oggetto di referendum. Dal mio punto di vista la questione è stata trattata con molta ragionevolezza. Questo è il mio punto di vista di cittadino italiano. Se altri si mettono di traverso protesto perché non vorrei si perdesse altro tempo.

  8. Camillo Franchini ha detto:

    @E.Laureti
    Rubbia:
    Sembra ormai chiaro che la “storia” del riscaldamento globale che sta causando l’uomo è una vera e propria bufala
    Anche Rubbia esce alla grande dal suo campo di competenza, come Zichichi.
    Cercano le variabili di un’equazione, dato che sono abituati a ragionare così fin da piccoli. Non servono i parametri di un’equazione, serve misurare l’andamento nel tempo della concentrazione in atmosfera dei gas serra. E’ materia per chimici e climatologi. Se la tendenza è verso l’aumento dobbiamo preoccuparci, e come.
    Altre discipline, altri approcci, cari amanti delle equazioni.
    Sarebbe auspicabile che ognuno coltivasse il proprio giardino, come ci ha insegnato Candide.

    • E.Laureti ha detto:

      @Franchini
      Non servono i parametri di un’equazione, serve misurare

      Il problema è proprio quello : misurano bene?
      O predicono catastrofi future attraverso modelli matematici?

      • Camillo Franchini ha detto:

        @E.Laureti

        Il problema è proprio quello : misurano bene?

        L’Environmental Chemistry è una disciplina solidissima.

        O predicono catastrofi future attraverso modelli matematici?

        Il comportamento dei gas serra è ben stabilito dalla Environmental Chemistry. Dubitare delle solidità della Chimica Ambientale è votarsi al suicidio.
        Ovviamente io sono di parte, ma non vedo che modelli matematici usare per prevedere che il consumo dei fossili porta a riscaldamento globale. Ormai è materia scolastica.

      • CimPy ha detto:

        Laureti, se c’è una cosa che il clima di Marte insegna, è che la co2 non è ininfluente. Se c’è una cosa che abbiamo fatto negli ultimi 200 anni, è stato moltiplicare la co2.
        Il resto, colonizzazione dello spazio compresa, sono bufale.

        • E.Laureti ha detto:

          @Cimpy

          Laureti, se c’è una cosa che il clima di Marte insegna, è che la co2 non è ininfluente. Se c’è una cosa che abbiamo fatto negli ultimi 200 anni, è stato moltiplicare la co2.

          preferisco il CO2 alla dittatura degli illuminati del governo climatico e pauperistico mondiale

          Il resto, colonizzazione dello spazio compresa, sono bufale.

          se si insiste nella inutile propulsione a trombetta certamente.
          Ma questa osservazione di Maxwell ci salverà
          Egli esplicitamente dice a pag.163 Vol.2 del suo Treatise:

          …..NO EXPERIMENTS ON THE MUTUAL ACTION OF UNCLOSED CIRCUITS HAVE BEEN MADE…..

          Pazienta e sarà tutto più chiaro in seguito 🙂

    • Rossella Comodi ha detto:

      Segnalo questo divertente e istruttivo articolo. Ho controllato: l’affermazione di Giovanni Sartori corrisponde al vero: 500.000.000 di anni ripetuto in lettere, per maggior sicurezza:
      Paolo Diodati: Lorenzo Taglieschi di Anghiari e il clima – TELLUS folio
      http://www.tellusfolio.it/index.php?cmd=v&id=6500

  9. Camillo Franchini ha detto:

    @E.Laureti

    …mi conducono a dubitare della relazione causa effetto circa un GW di natura antropica

    Io sono dalla parte della chimica e fisica ambientale:

    ATMOSPHERIC CHEMISTRY AND PHYSICS
    From Air Pollution to Climate Change
    SECOND EDITION
    John H. Seinfeld
    California Institute of Technology
    Spyros N. Pandis
    University of Patras and
    Carnegie Mellon University
    A WILEY-INTERSCIENCE PUBLICATION
    JOHN WILEY & SONS, INC. [2006]
    1248 pagine

    Spectacular innovations in instrumentation since 1975 or so have enabled identification of atmospheric trace species down to levels of about 10 ^-12 parts per part of air, 1 part per trillion (ppt) by volume. Observations have shown that the composition of the atmosphere is changing on the global scale. Present-day measurements coupled with analyses of ancient air trapped in bubbles in ice cores provide a record of dramatic, global increases in the concentrations of gases such as CO2 , methane (CH4 ), nitrous oxide (N2O), and various halogen-containing compounds. These “greenhouse gases” act as atmospheric thermal insulators. They absorb infrared radiation from the Earth’s surface and reradiate a portion of this radiation back to the surface. These gases include CO2 , O3 , CH4 , N2O, and halogen-containing compounds.

    E’ lecito ritenere che i cicli solari possano portare effetti sul GW; si possono fare interessanti speculazioni su questo. Però qui siamo di fronte a delle certezze, dal momento che gli strumenti di indagine sono talmente raffinati da essere in grado di misurare le variazioni nel tempo delle concentrazioni dei più importanti gas serra di origine antropica. Se aumentano non si può mica dare la colpa al Sole. A Pisa conosco dei chimici che misurano il contenuto di gas serra di carotaggi di ghiaccio prelevati in Antartide. La Chimica Ambientale è una disciplina matura, bisogna affidarsi a chi la pratica.
    Per questo le prese di posizione di Zichichi non hanno consistenza, dal momento che non è un esperto. Da tempo sembra sia soprattutto esperto di religione.
    Saluti

    • E.Laureti ha detto:

      @Franchini

      E’ lecito ritenere che i cicli solari possano portare effetti sul GW; si possono fare interessanti speculazioni su questo. Però qui siamo di fronte a delle certezze, dal momento che gli strumenti di indagine sono talmente raffinati da essere in grado di misurare le variazioni nel tempo delle concentrazioni dei più importanti gas serra di origine antropica.

      c’è da qualche parte un articolo (che magari non sia di parte) che riesca a quantificare tutti i possibili effetti alla base del GW terrestre … cioè attività solare, vulcani , CO2, etc..
      In passato lessi qualcosa che più o meno diceva che il GW di origine umana incideva per non più del 5% sull’effetto del riscaldamento totale

      • F. Allace ha detto:

        c’è da qualche parte un articolo …

        Anche U. Minopoli sul Foglio è interessato: “La climatologia “ufficiale”, quella del global warming antropico, deve ora una spiegazione: come escludere che il riscaldamento terrestre non abbia le stesse motivazioni, “naturali” e non antropiche, che ha su Marte?“.
        Di risposte la “Climatologia ufficiale” ne ha elaborate diverse:
        solar-activity-sunspots-global-warming.htm

        Riusciranno i nostri dubbiosi a leggerne qualche riga, e a invalidare tecnicamente i dati raccolti da secoli -dapprima in pochi punti e con termometri rudimentali, e via via da navi, boe fisse, boe mobili [a migliaia! v. 1], aerei, palloni sonda, stazioni a terra fino in Antartide, satelliti di tutti i tipi, con apparecchi sempre più precisi … con una Scienza Statistica che ai tempi se la sognavano … una capacità di elaborazione dati passata dal pallottoliere al supercomputer …

        Qualora non trovassero difetti nella raccolta e nel trattamento di tali dati, sapranno esporre le fallacie delle conclusioni della “Climatologia ufficiale”, e nel contempo risparmiarci inutile reto’
        Signor Tenen
        PERDIO! Sempre a interrompere! Cosa c’è adesso?
        Signor Tenente, tatticamente è controproducente far presen
        Sergente! Lei tatticamente la smette immediatamente di parlare in rima, o sta consegnato per una settimana!

        Scusi Signor Tenente, ma secondo me dovrebbe astenersi dallo stigmatizzare la retorica altrui, in quanto Lei stesso ne fa uso a piene mani

        Piene mani … piene mani … non sono sicurico che si possa usare la retorica a piene mani … beh questo è un problema … cmq anche lei fa ciò di cui mi accusa, ovvero impiega figure retoriche, e quindi il suo ragionamento non vale un ca’

        Signor Tenente , se mi consente,
        ANCORA! Basta rime, ha capitooo?

        Signor Tenente, ha fatto la Fallacia Tu Quoque
        E allora?
        E allora il suo ragionamento non vale, come dice Lei, un ca’
        SERGENTE!

        Scusi.

        Cmq ha ragione: alle Fallacie bisogna starci attenti, ma non mi distragga oltre dal punto topico:

        Altre risposte sull’argomento Other planets are warming:
        It’s cosmic rays
        Jupiter is warming
        Mars is warming
        Neptune is warming
        Pluto is warming
        The sun is getting hotter
        It’s cosmic rays
        Solar cycles cause global warming

        Per dubbi su altri aspetti: https://skepticalscience.com/argument.php.

        NB: scelta fra tre livelli di approfondimento, glossario pop-up, lista di lavori scientifici lunga da qui a Pechino.

        Saluti.

        F.A.

        ————-
        1: https://en.wikipedia.org/wiki/Argo_(oceanography).

        ———————–
        ———————-
        Minopoli la mena e la rimena
        come onda che di scoglio vuol far rena
        che “La Scienza” gli deve una risposta;
        l’ha ricevuta, ed era una batosta [A, B].

        ————–
        A: http://ocasapiens-dweb.blogautore.repubblica.it/2016/06/07/candidato-al-premio-a-qualcuno-piace-caldo/;
        B: https://oggiscienza.it/2016/06/10/riscaldamento-climatico-bufale-marte/.

      • F. Allace ha detto:

        Link funzionante (spero) a “articolo … che riesca a quantificare tutti i possibili effetti alla base del GW terrestre”.
        https://skepticalscience.com/solar-activity-sunspots-global-warming.htm

        • E.Laureti ha detto:

          @F.Allace

          mi corregga se sbaLio …
          mi sembra di aver capito questo della sua sceneggiata napulitana:
          la Terra la salvate voi con le tasse (belle) sul GW antropico
          e il governo di illuminati mondiale (senza elezioni) con pauperismo felice per la massa beota da raddrizzare nei consumi….
          mentre le tasse ad GW antropico sui marziani ,gioviani e saturniani e so on … possono attendere … anche attualmente perché siete impossibilitati a riscuoterle e quindi potete rompere i maroni solo ai terrestri con la fine del mondo 🙂

        • F. Allace ha detto:

          Con Lei, Laureti,
          la serietà è sprecata.

          Saluti.

          F.A.

      • Camillo Franchini ha detto:

        @E.Laureti

        c’è da qualche parte un articolo (che magari non sia di parte)

        Questa non è materia per articoli, ma di trattati. Nel senso che si tratta ormai di materia insegnata nei corsi di studio di Chimica. La Chimica Ambientale è da considerarsi scienza consolidata. I negazionisti del greenhouse effect scrivono articoli qua e là, ma devono essere considerati come quelli di Zichichi che ci ha saggiamente segnalato ocasapiens: rumore di fondo.
        http://www.ilgiornale.it/news/cronache/zichichi-e-20-scienziati-contro-bufale-clima-1416479.html
        Tra altre asinate scrive:
        Al primo posto c’è l’Ossido di Carbonio, che viene emesso quando si vuole assicurare una buona combustione nel motore.
        CO viene emesso quando non si riesce ad assicurare una buona combustione nel motore.
        Anche gli altri articoli sul Giornale sono zichicche. Se serve le esaminiamo una per una e ne ricaviamo dei post. Il problema è che quella persona trova stretti i suoi panni di fisico, gli piacerebbe essere altro. Mi farebbe però piacere se non si occupasse di chimica.
        Ne riparliamo quando ho più tempo.

  10. Giulio ha detto:

    OT: Come avrete già letto su altri siti, ECW ha post dedicati all’ormai prossimo test del QX dove tutti possono dare la loro opinione su come svolgere il test a prova di scettico. Lo stesso Rossi sembra aver accolto uno dei vostri suggerimenti ed ha abbandonato Boltzmann e compagnia bella a favore di una semplice calorimetria ad acqua. Perché non gli date qualche altra utile dritta dal
    vostro punto di vista ultrascettico?

    • Anonimo ha detto:

      @ Giulio/Ptorr

      Desidera degli utili suggerimenti? Molto bene…

      Ad esempio che ne direbbe di fare eseguire delle misure calorimetriche serie proprio dagli scettici (ferrati in materia) che da anni hanno contestato, ma sempre motivando tecnicamente e approfonditamente, le precedenti (chiamiamole) “misure”?

      Così una volta tanto… evitiamo il teatrino dei soliti membri/supporter del suo clan che ci raccontano (dalla parte dell’oste) come è buono il vino della casa.

    • susangipp ha detto:

      Mi perdoni se trovo questo suo intervento un pochino provocatorio. Perchè non gliela da lei invece qualche dritta da Suo punto di vista da (immagino) ultrabe’?
      Se il nostro genio di Caponago espone un altro lato è perchè molto probabilmente ha già escogitato un numero di prestigio tutto nuovo visto che i trucchi precedenti son già stati tutti e con dovizia di particolari ampiamente sgamati. Quello che mi incuriosisce tuttavia è se il nuovo mamozio sarà dotato di parrucca.

      • susangipp ha detto:

        E poi, abusando della Sua pazienza, mi perdoni ancora una volta, di “dritte”, se scorre le decine di migliaia di interventi in rete a partire dal mamozio 1.0 su come condurre una calorimetria “a prova di scettico”, ne trova a mazzi. Chiederle ora mi sembra decisamente una gran presa per il derrier.

    • CimPy ha detto:

      “all’ormai prossimo test del QX”

      Test di che?
      Una cosa raccontata da Rossi diventa vera perché l’ha raccontata Rossi abbastanza a lungo?
      È ora di crescere: nemmeno la fatina dei denti esiste. Te lo si deve ripetere pure per il coniglio pasqualino, o ci arrivi da solo?

      • Camillo Franchini ha detto:

        @CimPy

        Una cosa raccontata da Rossi diventa vera perché l’ha raccontata Rossi abbastanza a lungo?

        Rossi ha abbandonato il cipiglio napoleonico per assumere quello amichevole di Geppetto. Comunque sembra in forma, ci farà divertire ancora per molto. Speriamo che si presentino altri americani con il portafoglio pieno. The show must go on.

    • Camillo Franchini ha detto:

      @Giulio

      calorimetria ad acqua

      E’ impazzito? Rossi si convinca che non deve vendere calorie, ma radiazioni: la calorie costano nulla rispetto alle radiazioni. La ricerca medica e biologica fa un uso massiccio di radiazioni di ogni genere. Se riesce a produrre radiazioni dal sistema Ni-H si sistemerebbe per gli anni che gli restano da vivere. Faccia uno spettro gamma del suo mamozio e spieghi che può produrlo quando serve. Tutti sono capaci di produrre calore, pochi di produrre radiazioni nucleari. Ma quali sono? Io me ne sono dimenticato.

    • Franco Morici ha detto:

      “Anonimo” sono io… per qualche motivo il nome nel commento è saltato.

      Il nuovo paper “masterpiece” Rossi/Gullström:
      https://arxiv.org/pdf/1703.05249.pdf
      “In order to validate part of the theory, we introduce an experiment that in many ways have motivated this study”

      “In the left in the figure there is two voltmeters that measure the mV of the current passing through the 1 Ohm brown resistance”

      Così per pura curiosità:
      cosa avrebbe a che vedere la potenza dissipata sul un resistore da 1 ohm (esterno) ai cui capi ci sarebbero 100mV (DC, boh?) rispetto alla potenza elettrica eventualmente fornita a quel “coso”?

  11. Camillo Franchini ha detto:

    @ocasapiens

    È un fautore del principio antropico forte infatti, come “l’ottimo Masiero” (ed è preso anche lui per il Vangelo dal credulo F***i, che combinazione).

    Non l’hai proprio digerita. Ti sta sul gozzo. Non riesci ad accettare che “la fine dei tempi” significa il livellamento di qualsiasi gradiente energetico, compreso quello gravitazionale. Se non sei laureata, perché vuoi confrontarti con dei laureati? Fa la giornalista, non riuscirai mai a fare altro. Io seguo volentieri il tuo blog, perché leggi con passione tutto ciò che compare in rete e lo riporti. Ma sarai sempre una che non va oltre un modesto relata refero.
    Ma come ti viene in mente di provocarmi il 19 luglio 2017, quando fa caldo e le considerazioni dell’ottimo Masiero sono sideralmente remote. Mancanza di una birra fresca o di una fetta di anguria? Relax, oca.

    • Marcellus ha detto:

      Nucleon polarizability and long range strong
      force from σ I=2 meson exchange potential

      We present a theory for how nucleon polarizability may be used to
      extract energy from nucleons by means of special electromagnetic condi-
      tions. Also a new theory for a long-range strong force is introduced by
      enhancing the role of the σ I=2 meson in nucleon-nucleon potential ob-
      tained through isospin mixed σ mesons. The novelty in the idea is to
      let an imaginary mass exchange particle be enhanced by absorbing only
      one particle in an entangled state of two particles. The imaginary mass
      particle is not intendent to be free and contravance the law of physic; it is
      merely included as a binding exchange particle in a system with total pos-
      itive invariant mass. In order to validate part of the theory, we introduce
      an experiment that in many ways have motivated this study.

      https://www.lenr-forum.com/attachment/2492-snap32-jpg

  12. Camillo Franchini ha detto:

    @E.Laureti
    Altro esempio di chimica-fai-da-te di Zichichi:
    La più tossica di queste sostanze è il cosiddetto Biossido di Azoto: irrita le vie respiratorie e può arrivare a provocare lesioni polmonari.
    Il biossido d’azoto non è presente tra i gas dannosi alla salute e all’ambiente. Le combustioni di fossili provocano reazioni secondarie O/N secondo le modalità sotto riportate:
    At one time it was believed that fossil-fuel combustion released nitrous oxide as a by-product of the chemical combination of the N2 and O2 in air, but this belief was based upon faulty experiments. Only when the fuel itself contains nitrogen, as does coal and biomass (but not gasoline or natural gas), does N2O form; apparently N2 from air does not enter into this process at all.
    However, some of the NO produced from atmospheric N2 during fuel combustion in automobiles is unavoidably converted to N2O rather than to N2 in the three-way catalytic converters currently in use and is subsequently released into air. Some of the newer catalysts developed for use in automobiles do not suffer from this flaw of producing and releasing nitrous oxide during their operation.

    ENVIRONMENTAL CHEMISTRY
    Colin Baird, University of Western Ontario; Michael Cann University of Scranton
    W. H. Freeman and Company • New York (2013)

    Il biossido di azoto NO2 o N2O4 provocherebbe i danni alle vie respiratorie che Zichichi lamenta solo se esistesse libero nell’aria. Non esistendo libero nell’aria non fa male a nessuno.
    Questo è un esempio dei danni all’informazione che una scarsa conoscenza della chimica comporta. Si ragiona a capocchia, tanto i lettori del Giornale non ci capiscono niente, indipendentemente da chi scrive.

  13. Andrea Rampado ha detto:

    @Camillo
    Un pochino OT, ma forse non troppo:
    http://www.media.inaf.it/2017/07/20/assioni-stelle-bosoni/

    E anche questa volta gli Alieni l’hanno fatta franca.. 🙂

    • Camillo Franchini ha detto:

      @Andrea Rampado

      E anche questa volta gli Alieni l’hanno fatta franca..

      Siccome di queste cose non mi intendo, mi limito a offrire ospitalità. Sarebbe gradito un intervento di Ignazio Licata, con cui ho avuto in passato molti scambi.

      • Andrea Rampado ha detto:

        @Camillo
        mi limito a offrire ospitalità.
        Grazie

        Penso possa certamente interessare a Mario Massa e suo fratello, oltre a chi segue gli sviluppi applicativi di alcune formule di Majorana..

  14. Camillo Franchini ha detto:

    @ocasapiens:
    http://ocasapiens-dweb.blogautore.repubblica.it/2017/07/21/la-costante-di-minopoli/

    Come mai più nessuno parla del buco di ozono, non è più di moda?

    La risposta potrebbe essere questa:
    The complicated chemical processes that cause ozone depletion are now understood, and are discussed in this chapter. Based upon this knowledge, we can predict that the hole will continue to reappear each spring until about the middle of this century, and that a corresponding hole may appear above the Arctic region.
    As a consequence of these discoveries, governments worldwide moved quickly to legislate a phase-out in production of the responsible chemicals so that the situation did not become much worse by the development of even more severe ozone depletion over populated areas, with the corresponding threat to the health of humans and other organisms that this increase would bring.

    ENVIRONMENTAL CHEMISTRY
    Colin Baird, University of Western Ontario; Michael Cann University of Scranton
    W. H. Freeman and Company • New York (2013)

    Avendo scoperto le cause del buco, risultò facile procedere a contromisure legislative di notevole efficacia. Anche la cause del GW non sono complesse come vogliono farci credere, ma lottare contro i produttori di fossili è dura.

  15. bruno ha detto:

    E sugli sviluppi pratici di alcune formule di QUIRINO Majorana adesso chi sta lavorando? Domanda di grande momento.

  16. Camillo Franchini ha detto:

    @Tutti
    Ocasapiens nel post “Paul Davies postula la mucca sferica” cita un certo F***i, cioè me. Mi obbliga a risponderle, nella speranza che la smetta di occuparsi di termodinamica.
    Sembra un fuori tema, ma lo è meno di quel che pensate.
    Il nuovo post si chiama “oca”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...